Il "Bagnino" Digitale: servizio a 5 stelle anche sotto l'ombrellone. - Buznet.it
1341
post-template-default,single,single-post,postid-1341,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.1,vc_responsive

Il “Bagnino” Digitale: servizio a 5 stelle anche sotto l’ombrellone.

Il “Bagnino” Digitale: servizio a 5 stelle anche sotto l’ombrellone.

 

Sono ormai lontani i tempi in cui bastavano un ombrellone, due sdraio e un pattino per attirare folle di bagnanti e per definire un attività “spiaggia con servizi”.

Sono ancora più lontani i tempi – era il 1843 – in cui il primo “bagnino”, il medico Claudio Tintori, realizza il primo stabilimento balneare a Rimini. Si trattava di rudimentali spogliatoi su palafitte in acqua collegati alla terra ferma da una passerella. Una trentina di anni dopo la piattaforma viene sostituita da una elegante struttura dal gusto orientale, con ristorante, solarium, sala tè e sala lettura.
Alla fine degli anni ’30 dello scorso secolo i camerini trovano spazio sulla spiaggia e la passerella diventa luogo di passeggiate ed incontri, dando il via al concetto attuale di Lido (o Bagni).
Oggi non è difficile trovare servizi come palestre, baby club, punti di ristoro, vasche idromassaggio, campi da tennis e di beach volley e scuole per ogni tipo di sport. 
Gli imprenditori dell’ hospitality in spiaggia spremono in continuazione le loro meningi per trovare un elemento differenziante dal concorrente (nella sola Rimini i bagni sono circa 700). 
Quindi cosa può fare il nostro “bagnino” per rendere unica l’esperienza dell’ospite?
A parità di servizio, prestazione e prezzo ciò che fa la differenza è appunto l’esperienza vissuta. I servizi di ristorazione e intrattenimento hanno ormai raggiunto livelli di eccellenza. Bisogna quindi lavorare sull’ottimizzazione delle esperienze e sulla fidelizzazione. Si è ben compreso che la soluzione è sempre più spesso nella digitalizzazione, ma al momento non si va oltre il servizio wi-fi e qualche sparuto tentativo di sfruttare al meglio il mondo dei social.
Di fatto non si conosce la propria clientela e non si utilizzano strumenti per misurare – e quindi guidare – la propria “reputation”. 
Si investono centinaia di migliaia di euro nella struttura e si tralasciano invece attività che richiederebbero un investimento minimo, quasi nullo.
Tra queste, vediamo ad esempio un’applicazione che permette di incrementare le consumazioni, ottimizzare il lavoro del personale, fidelizzare e comunicare con la propria clientela ed infine – non meno importante – risparmiare e rispettare l’ambiente.

Si chiama SmartTouchMenù ed è una delle Soluzioni Ready Business che Vodafone offre attraverso i suoi consulenti.  

Basta qualche adesivo sotto l’ombrellone, al bar e al tavolo per invitare la propria clientela a scaricare la App sul proprio smartphone. Il cliente con due tap può consultare i menù ed ordinare direttamente dal suo lettino. 

I vantaggi sono molteplici: 
– ottimizzazione del lavoro del personale: cucina e servizio al tavolo conoscono in anticipo gli ordini e possono di conseguenza organizzare il lavoro al meglio. È possibile offrire menù dettagliati e in più lingue per rispondere tempestivamente alle mode e tendenze alimentari (es. vegan, Bio, gluten free, lista allergeni,  etc. etc.).
– incremento delle vendite: i clienti condividono sui social il menu digitale e le promozioni. Offrire la possibilità di ordinare dall’ombrellone aumenta in maniera consistente le consumazioni e le seconde consumazioni, di cui si ha un incremento minimo di circa il 20%.
– risparmio sui dispositivi: non è necessario investire in costosi palmari o tablet in quanto il cliente utilizza il proprio smartphone (basta avvicinare lo smartphone ad un adesivo ed il cliente è pronto per ordinare). 
– conoscenza e fidelizzazione della propria clientela: il gestore ha a disposizione strumenti di statistica per azioni di real time marketing. Dispone inoltre di un canale diretto per promozioni ed eventi attraverso i social network.

 

Ecco le parole di Martino, il gestore di Bahia Del Sol di Porto Cesareo (LE): “SmartTouch Menu ha procurato enormi vantaggi per la mia impresa, soprattutto a livello personale. Sono stato infatti uno dei primi in Italia ad offrire un servizio tecnologico all’interno di una realtà come quella dello stabilimento balneare di grandi dimensioni, come la Bahia Del Sol. La clientela è rimasta completamente sbigottita, in senso positivo tanto da indicare l’app come un servizio innovativo nelle recensioni di TripAdvisor. Questo ci ha permesso di evolverci e offrire all’attività, già improntata a soddisfare a pieno le richieste della clientela, un servizio totalmente nuovo.”

 

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.